Sabri Noseda, bronzo mondiale negato per 1 centesimo

4xlw4xlwUn centesimo, meno di 5 centimetri, della “pallina”  che si mette sulla punta della barca. Tanto ha diviso Sabrina Noseda da una meritatissima medaglia di bronzo. Peccato, ma comunque complimenti alla giovane stella della Canottieri Lario G. Sinigaglia che ha vissuto una stagione a dir poco intensa, facendo incetta di titoli italiani Under 23, leggeri e Assoluti e partecipando da protagonista a due Campionati del Mondo.

Sara e Claudia remeranno a Londra 2012, Varesano di bronzo

bacidabledbacidabledL’appuntamento con la storia è arrivato. Claudia Wurzel e Sara Bertolasi della Canottieri Lario andranno alle Olimpiadi di Londra 2012. Hanno qualificato la loro barca il due senza azzurro ieri vincendo alla grande la finale di consolazione dei Mondiali di Bled.

I saluti da Sidney di Alessandro Adduci

adducicasettiadducicasetti E’ volato pochi giorni fa a Sidney per specializzarsi in Chiropratica, Alessandro Adducci atleta e consigliere della Canottieri Lario “G. Sinigaglia”. Adduci, azzurro nei Mondiali universitari 2010 non lascerà comunque l’attività sportiva in questa sua parentesi biennale in Australia. Sulle orme di un grandissimo del Lago di Como, come Carlo Mornati (argento a Sidney) si allenerà infatti all’Uts Rowing Club. Ecco il suo messaggio dall’altro capo del mondo per gli amici e i soci della Lario.

La storia di Albi Stucchi, il canottiere volante

albi1albi1Alberto Stucchi è un canottiere particolare. Ad Alberto non piace soltanto andare in barca, tirare sui remi e lasciare la scia. Ad Alberto piace anche andare sott’acqua, con le bombole, nelle acque di Sharm El Sheik. Ad Alberto piace anche saltare, saltare dall’aereo quando questi sfiora i 5mila metri di quota. Alberto Stucchi è un atleta particolare. Oggi ha 32 anni, ma da quando di anni ne aveva 14 vive su una sedia a rotelle.

Amsterdam, è subito Marzari!

gaiagaiagaiamarzarigaiamarzariChe colpo per Gaia Marzari sabriu23sabriu234-4-4x4xquesta mattina.

Benvenuto Nicolò, ciao Teresa

La Lario è una realtà di mille persone di tutte le età, come un paese con le sue gioie e i suoi dolori. Così capita che a pochi giorni di distanza ci sia da festeggiare un lieto evento e da salutare una persona molto cara a tutti in società.
Il lieto evento è stato il 30 giugno con l'arrivo di Nicolò Salvagni, figlio di Claudio, consigliere della Lario, già allenatore e atleta azzurro. Congratulazioni!