Sua Eccellenza Monsignor Diego Coletti Vescovo di Como in visita alla Canottieri Lario

E' arrivato come fosse un "Atleta", con passo energico e veloce, tanto da far venire il fiatone ai giovani rematori che in perfetta divisa societaria lo hanno scortato per le vie di Como... Con l'espressione del viso gioiosa e stupefatta, come fosse "il Primo Tifoso" del nostro sodalizio, ha applaudito spontaneamente alla vista dei numerosi trofei vinti dai nostri ragazzi in questa stagione agonistica... Ha incitato e spronato con parole cariche di entusiasmo, come fosse un vero "Allenatore", gli atleti presenti al gran completo a continuare con impegno e costanza il percorso sportivo intrapreso. Ha abbracciato, come fosse un "Padre-Presidente" Campioni Mondiali e piccoli vogatori con lo stesso affetto e stima, ringraziandoli per l'esempio positivo che danno e per tutto quello che loro fanno per la nostra città.

Così è arrivato e così si è presentato nella sede della nostra Società Sua Eccellenza Monsignor Diego Coletti, Vescovo di Como, il quale ha voluto onorarci della sua presenza in occasione dell'inaugurazione e della benedizione della "nuova" vasca voga.

Dopo il saluto ed il benvenuto ufficiale da parte del Presidente Enzo Molteni, Sua Eccellenza ha voluto mettere in evidenza durante il suo discorso tenuto, come è nel suo stile, in modo molto coinvolgente ed informale alcuni aspetti importanti dello Sport. Ha sottolineato, sopratutto, quanto sia bello poter scegliere di svolgere un'attività che dia piacere senza esserne schiavi e senza essere legati ad interessi economici o di altro genere o ad ambigui secondi fini. Il praticare uno Sport, ha ribadito Monsignor Coletti, per il gusto fine a se stesso di svolgere gesti che diano soddisfazione, di fare un'attività che stimola a migliorarsi solo per il piacere di sentire la propria mente ed il propio corpo rispondere a input nuovi e sempre più impegnativi e trarne da questo, nonstante la fatica, gioia è di per se bello.


Il Vescovo ha voluto inoltre ricordare come la cerimonia di benidizione di un "luogo", non debba essere visto come un gesto magico o scaramantico, ma bensì debba essere interpretato come un atto di apertura a Dio e agli altri e che tutto ciò che in questo luogo viene fatto e prodotto, fatica, sudore ed allenamenti compresi, debbano essere fatti nel nome dell'amicizia, della condivisione e della tolleranza.

Monsignor Coletti ha voluto infine condividere con i più "piccoli" il taglio del nastro tricolore impugnando la forbice a "più mani" con loro, altro gesto di grande sensibilità e disponibilità.

Un pomeriggio veramente speciale nella nostra sede, con un grande Vescovo e uomo di Chiesa con lo Sport nel cuore.

 

Importante e molto apprezzato anche l'intervento del "Grandissimo Ex-Presidente" Gianpiero Maiocchi, sempre attaccatissimo alla nostra Società, che ha voluto evidenziare con le sue parole come lo Sport, in un momento di tensione e di incertezza come quello attuale, sia una delle poche "Armi" valide per infondere e diffondere speranza.

La Lario è grande anche perchè grandi sono i suoi "Amici"... Ed ora la nostra Società ne ha uno grandissimo in più.

Un grazie immenso a Sua Eccellenza Monsignor Diego Coletti Vescovo di Como.