Grande Festa delle Premiazioni e di Natale alla Lario



Annata esaltante, straordinaria, stupefacente quella vissuta in questo 2015 dalla nostra Canottieri Lario e per festeggiare i veri protagonisti di questa, forse irripetibile, stagione agonistica non si poteva che organizzare una festa altrettanto ricca, bella e partecipata… e così è stato.

Il pomeriggio di sabato 19 dicembre, nel luminosissimo salone, ricco nei suoi arredi di storia e di gloria, affacciato sulla magnificamente rimodernata vasca voga, atleti, tecnici, dirigenti, soci e genitori si sono ritrovati per applaudire e premiare autori ed attori di questa infinità di titoli e vittorie, che hanno tra l’altro permesso alla nostra società di conquistare su 235 sodalizi remieri il secondo posto nella speciale classifica nazionale a punti.





 

Dopo il doveroso saluto da parte del Presidente Enzo Molteni, che ha elencato nel suo discorso, oltre ai 14 titoli italiani, ai 3 ori e all’argento mondiali, anche tutte le benemerenze assegnate quest’anno ai dirigenti della Lario (Stella d’Argento al Valore Sportivo, Miglior Dirigente 2015 della FIC, Premio Coraggio ed Altruismo), ha preso le redini della manifestazione l’ormai sempre più bravo e sempre più “nostro” Luca Brogini, voce ufficiale del Canottaggio italiano, voce amica della Canottieri Lario.

Luca ha saputo, per tutto il tempo, coinvolgere, appassionare, emozionare e persino commuovere tutti i presenti, con presentazioni ricche di spunti, aneddoti e storie, come se davvero conoscesse personalmente ogni persona chiamata a ricevere premi ed applausi davanti ad un pubblico mai così attento e contento.

Fantastica la sua cronaca diretta fatta quasi in apnea del filmato dei tre ori mondiali vinti da Nicole Sala, Lorenzo e Davide Gerosa, che ha fatto venire le lacrime agli occhi anche agli stessi protagonisti. A questo proposito toccante l’immagine di Nicole, che solo dopo qualche minuto, riuscendo a placare pianti e singhiozzi, quasi come fosse un gesto liberatorio, ha ringraziato il suo allenatore Stefano per quanto ha fatto per lei, trasformandola, come lei stessa ha detto, nel fisico, nella mente e nel carattere.


 

Momenti di pura allegria ci sono state invece donati dai più piccoli e dagli atleti Para-Rowing, soprattutto quando Marco, detto “Pastina”, si è esibito al pianoforte in un concerto natalizio “naif”, trascinando tutti in uno spontaneo e ritmico battimani.

Esilarante la storiella sul “pan poss” del poeta dialettale e socio storico Riccardo Borzatta.

Insolitamente molto “loquace” il DT Stefano Fraquelli, che, nel suo intervento durante la premiazione dei tecnici, ha ben sottolineato, riprendendo una battuta di Brogini (che si sa, alla Lario qualche preferenza ce l’ha), come simpatie e antipatie personali, pur facendo parte del bagaglio umano di ognuno di noi e quindi anche degli allenatori, non debbano mai in nessun modo interferire nelle scelte tecniche. Molto interessante è stato anche il suo excursus in omaggio al lavoro e alla figura importantissima del timoniere, che spesso passa inosservata, ma che può essere determinante nel bene o nel male per la prestazione di un equipaggio… riferimento, naturalmente in positivo, alla nostra Camilla Mariani (argento mondiale), grande interprete di questo ruolo, nonostante la giovanissima età.

Ovazione al momento della chiama per i ben 30 atleti Campioni d’Italia (16 femmine e 14 maschi) e a seguire applausi per tutti gli altri componenti della squadra agonistica, compresi i nuovi entrati.


Premi “fedeltà” ai soci Alessandro Nessi per i suoi 50 anni di tessera Lario e, alla memoria, per l’ex-presidente Floriano Terraneo (8 anni di mandato), che ci ha lasciati poco tempo fa e che avrebbe festeggiato proprio quest’anno il sessantesimo di associazionismo nel nostro sodalizio. A ritirare il riconoscimento la moglie Nadia.

Importanti le presenze “politiche” alla festa dei nostri campioni. Hanno voluto, infatti, essere vicini a tutti i ragazzi, portando loro complimenti, saluti ed auguri personali ed istituzionali, il sindaco di Como Mario Lucini e l’assessore a Sport e Cultura Luigi Cavadini.

Un pomeriggio magnifico per una stagione stellare. Ed ora…

 

Buone Feste a tutti!