Weekend Umbro-Lombardo di grandi soddisfazioni per la Canottieri Lario


Lungo ed intenso weekend di gare per gli atleti della Canottieri Lario quello appena trascorso. Primo impegno internazionale dell’anno col body azzurro per gli otto vogatori della società comasca, accompagnati dall'allenatore Jaro Rocek, convocati al Memoral D’Aloja, che si è svolto da venerdì a domenica sul lago di Piediluco. Primo meeting in regione, invece, per i piccoli portacolori (Allievi e Cadetti) della nostra società sulle placide acque di Monate.

Dal cuore dell’Umbria arrivano grandi notizie. Il 2- femminile si conferma sempre più barca, almeno in Italia, di vocazione Lario. A livello Junior, infatti, la coppia tutta bianco-nero stellata, formata da Aisha Rocek e Caterina di Fonzo, ha dominato in entrambe le finali. Da questo doppio successo potrebbe anche nascere un sogno iridato, o almeno una speranza di partecipazione ai Mondiali di Categoria. Nella stessa specialità, ma nella categoria Senior, la nostra Sara Bertolasi, in coppia (sempre più affiatata) con la padovana Alessandra Patelli, stravince nelle gare di sabato e domenica, con riscontri cronometrici, al di là delle condizioni ambientali oggettive, veramente importanti (7’10’’ sabato e 7’20’’ domenica). Questi tempi, unitamente alla grande determinazione con cui sempre questo equipaggio scende in acqua, non possono che far ben sperare per i prossimi impegni internazionali soprattutto in proiezione delle regate di qualificazione per le Olimpiadi, che si terranno a Lucerna a fine Maggio.


Grandi prestazioni (e il Presidente Molteni presente alla manifestazione ci tiene a sottolinearlo) anche da parte degli altri componenti della spedizione. Sorprendente Jacopo Frigerio, che, all’esordio in azzurro, non si fa bloccare dall’emozione ottenendo in coppia, sabato con Elias Pescialli e domenica con Danilo Amalfitano, rispettivamente un bronzo ed un argento nel 2x Junior.

Doppia medaglia, ma entrambe d’argento, anche per Lorenzo Gerosa nel 2- PL in coppia, con l’ormai collaudato compagno Giovanni Ficarra.

Nelle stesse finali di Sara Bertolasi (2-), un quarto posto ed un bronzo per il “jolly di lusso” Gaia Marzari, che continua a sfoderare buone prestazioni e una straordinaria capacità di adattamento a qualsiasi “ordine di scuderia”, spaziando dalla punta alla coppia con compagne di barca sempre diverse.

Due volte ai piedi del podio sia Sala Nicole (2x PL) sia Giorgia Pelacchi (2x Junior).

Soddisfattissimo, dunque, il numero uno della Lario Enzo Molteni, che è rimasto impressionato, oltre che dalle singole prestazioni, dai volti provati dalla sforzo, segno del grande impegno agonistico, dei suoi atleti giunti al traguardo sempre avendo dato tutto il possibile.


Dalla provincia di Terni a quella di Varese, dove i giovani talenti comaschi, sotto la guida degli allenatori Sabrina e Davide Noseda, hanno confermato con la presenza numerosa e le medaglie conquistate il grande stato di salute, in tutti i settori, della nostra società.

 

 

Doppio oro per Serena Mossi, prima nella specialità dello Skiff e poi nel 7,20. Oro per Marco Leoni, Filippo Annoni e Federico Martorana sempre nel 7,20. Con questa barca argento, invece, per Giulio Campioni, Edwin Albonico e Nicolò Girondi (quest’ultimo all’esordio agonistico). Sul secondo gradino del podio anche il 4x con i già medagliati e citati Albonico, Campioni, Annoni e Leoni. Prima gara e primo bronzo per Davide Imperiale (7,20), stesso colore di medaglie anche per le più “esperte” Benedetta Raffa ed Elisa Grisoni. Infine da segnalare tra i Master il ritorno alle gare con esordio in questa categoria della Campionessa del Mondo Sabrina Noseda, che in coppia con papà Davide, ha vinto, non senza fatica, nella specialità del doppio misto. Sempre nei Master secondo posto della nostra Alice Piciucca nel 2x misto Corgeno.