LE DONNE LARIO ALLA HEAD OF THE RIVER RACE

Sabato 10 marzo si è verificato uno dei più prestigiosi appuntamenti del remo femminile mondiale, programmato sulle fredde acque del Tamigi: nientepopodimeno che la Women’s Eights Head Of The River Race. Questa storica regata, di circa 6800 metri, ha richiamato la tradizionale sfida fra le università di Oxford e Cambridge ed è arrivata alla sua settantottesima edizione. L'evento, riservato alle barche ammiraglie guidate dalle esponenti del gentil sesso, ha avuto la partecipazione di ben 370 equipaggi, fra cui ce ne sono stati anche un paio vestiti del bianconero lariano!  Direttamente dalla Lombardia, infatti, oltre alle giovanissime rappresentanti ufficiali della Federazione, anche diciassette femmine lariane accompagnate da una vogatrice proveniente dal canottaggio torinese.

Una grande occasione, dunque, e una bellissima esperienza per i due "otto" comaschi che hanno voluto rispondere alla London calling: sul primo Sabrina Noseda, Paola Roncoroni, Manuela Manna, Lucia Biscatti, Stefania Butti, Nuccia Milici, Ida Varani e Chiara Ascardi (con Timoniera: Roberta Pivotti). Del secondo gruppo di voga la torinese Maura con Valeria Pessina, Aurelia Wurzel, Monia Madonna, Annalisa Tornielli, Lorena Negrini, Carla Virgis ed Elisabetta Versa (ed al timone Diana Noseda). L'ora X è scattata alle 10.30 ora locale, con mezz'ora di partenza ritardata rispetto al programma causa probabile maltempo.  La start-line è stata posizionata dall’University Pole, a Chiswick, ed il punto di arrivo a Putney Bridge, dopo un percorso di 4 miglia e 374 yards.

Le due barche Lario si sono tallonate per tutta la lunghezza della gara, esaltate dal tifo degli astanti che è mancato solo nella parte centrale della gara. Pertanto le master d'oltremare hanno concluso l'una con il tempo di 24:46.3 e l'altra a 25:20.3. Sono risultate così essere rispettivamente la 290esima e 291esima (ma non sia dimenticato l'altro equipaggio lombardo, le giovanissime del Cus Milano, che hanno ottenuto l'oro nella categoria OverSeas). Una splendida esperienza ed una bellissima avventura, che ha trasportato un po' dell'entusiasmo bianconero oltremanica, invadendo la perfida Albione, e che ancora una volta ci fa dire che... le donne Lario sono sempre le migliori!