Ravenna: 2+2=Lario


Si sono svolti nel week-end appena trascorso i Campionati Italiani Assoluti, PL e Junior, che hanno visto, sul bacino di Ravenna, impegnati i migliori vogatori nazionali. Anche in questa occasione, a sole due settimane dai trionfi di Sabaudia (C.I. Ragazzi e U23), grandissime sono state le soddisfazioni per la Canottieri Lario. Inarrestabile lo “tsunami rosa” comasco, che ha conquistato ben quattro titoli nazionali, due nella categoria Senior e due nella categoria Junior, oltre ad una medaglia d’argento. Benissimo, però, si sono comportati anche i maschi, che hanno ottenuto un secondo ed un terzo posto.


Il primo scudetto di giornata è arrivato in mattinata dal 4- Senior di Bertolasi, Marzari, Noseda e Di Fonzo, che ha dominato la propria finale precedendo di ben otto secondi l’armo di Corgeno. Il secondo è giunto poco dopo, nel 4x Senior, sempre ad opera di Bertolasi, Marzari e Noseda, assieme a Nicole Sala, che in apertura di gare aveva già ottenuto un significativo quarto posto nel singolo Senior.

Subito dopo questi due successi si è svolta la splendida gara dell’otto Senior, che con una formazione “leggera” (Gerosa L., Gerosa D., Coan, Guanziroli, Merzario, Lami, Isella, Benini, tim. Benzoni), sfidando i “giganti” (per fisicità ed esperienza) della Guardia di Finanza, è giunto secondo.


 

Al pomeriggio si è ricominciato con le gare dedicate alle finali Junior ed è arrivata subito la bella medaglia di bronzo di Frigerio e Manzi nel doppio, giunti dietro all’equipaggio della ELPIS e alla coppia della Canottieri Sabaudia. Di seguito, all’arrivo del 4- femminile, altro grido di gioia per i tifosi Lario. Infatti la barca di Rocek, Pelacchi, Ciullo e Mariani ha dominato questa specialità davanti alla Canottieri Tevere.

Successo mancato invece per un soffio dal 4- di Schincariol, Passini, Ciullo e Pelacchi, che si sono dovute, per così dire, accontentare dell’argento nella gara vinta dal CUS Torino. A riportare però ancora la Canottieri Lario sul gradino più alto del podio ci ha pensato poco dopo il 2- di Di Fonzo e Rocek, che si sono imposte sull’equipaggio della Canottieri Armida con un ampio margine di vantaggio.


 

Euforico il Presidente Molteni, presente in tribuna, che ha voluto prima di tutto sottolineare la grande serietà ed il grande senso di appartenenza alla propria società di Sara Bertolasi, che, nonostante i pochissimi giorni di “libertà”, tra un raduno pre-olimpico e l’altro, ha voluto onorare il body della Canottieri Lario e la manifestazione nazionale più importante con la sua presenza. Parole di elogio, sempre da parte del Presidente, anche per tutti gli altri atleti ed atlete titolati e medagliati, con un riguardo speciale al coraggio dei ragazzi dell’otto, che non si sono lasciati per nulla intimorire dai fortissimi avversari, veri professionisti del canottaggio.

Contentissimi anche gli allenatori Jaro Rocek e Davide Noseda ed il D.T. Stefano Fraquelli, che da buon perfezionista è parso più dispiaciuto per i titoli mancati di un soffio (esempio: 4x Junior femminile) che felice per quelli vinti. Ma si sa, la gioia lui la sa nascondere benissimo… difficile vederlo euforico, facilissimo vederlo urlare fino a perdere la voce su e giù per il campo gara inseguendo le sue “creature”.


Altra giornata da incorniciare, altri titoli in casa Lario, dove ora il vero problema è trovare il posto per esporre tutti questi trofei… bellissimo avere di queste “grane”.

Bravissimi ragazzi, grazie ragazzi!