UN'ALTRA OCCASIONE LARIO

Un altro finesettimana internazionale per la Lario: l'ItalRemo ha avuto la presenza altri due atleti lariani, Roberto Gerosa e Matteo Raffaele Panceri, in forza alla squadra italiana nella trasferta ad Hazewinkel. Il bacino naturale belga ha, infatti, ospitato la Coupe de la Jeunesse, a partire dal 28 al 30 luglio. Delle ventisei società italiane presenti dunque anche la nostra delegazione: Gerosa e Panceri hanno completato il Quattro Senza azzurro assieme agli esponenti di Cerea ed Esperia.

Il venerdì 28 è stato come di consueto dedicato alle regate inaugurali mentre la prima prova per gli azzurri targati Lario si è svolta nella mattinata del 29 luglio. La giornata di sabato è stato un en-plein maschile, con l’Italia che è entrata in finale in tutte e cinque le specialità nelle quali era impegnata. Il primo successo è stato proprio quello del nostro Quattro Senza, protagonista di una batteria molto serrata: il Belgio ha provato a mantenere il ruolo di padrone di casa, ma i giovani azzurri sono stati autori di una notevole rimonta bruciando gli avversari sino alla seconda posizione. La stessa barca ha invece raggiunto la sesta posizione nelle regate del sabato pomeriggio, dietro Gran Bretagna, Svizzera, Repubblica Ceca, Belgio e Irlanda, in una finale molto combattuta per le medaglie.

Altri possenti colpi di remo per la mattinata del 30 luglio, la domenica in cui Panceri e Gerosa hanno spinto la loro imbarcazione sino a conquistare nuovamente la seconda posizione! Ed, infine, finale della Coupe de la Jeunesse che ha visto gli azzurri comaschi essere rimasti fuori dal podio con ancora sesto posto dietro Gran Bretagna, Belgio, Portogallo, Repubblica Ceca e Irlanda. Dopo aver tirato le somme il medagliere conclusivo ha visto la nostra giovane Italia seconda solo alla Gran Bretagna, in un'atmosfera di partecipazione che i rappresentanti della Federazione nazionale hanno commentato così: "I ragazzi si sono espressi al massimo delle loro capacità, migliorandosi gara dopo gara anche nelle finali B, senza mai accontentarsi della posizione raggiunta". Un bel risultato in cui è stato motivo d'orgoglio che un po' del merito sia appartenuto anche alla nostra società. Ora e sempre, Forza Lario!